I cavalieri del principio di Archimede

Il Portogallo, affacciato sull’oceano Atlantico, conta più di 800 chilometri di coste che si presentano con tratti rettilinei e sabbiosi alternati da alte falesie di roccia. Spesso si incontrano profonde rientranze che creano insenature ottimali per praticare surf. Sono queste le condizioni che ricerchiamo per rilassarci e studiare l’interazione dell’acqua con i Corpi che vi sono immersi. Esatto, vogliamo approfondire Il principio di Archimede! Quale luogo migliore dell’oceano può aiutarci a studiare “la legge”, che ormai sappiamo a memoria, di uno dei più grandi geni della storia?

“Un corpo immerso in un liquido riceve una spinta dal basso verso l’alto pari al peso del liquido spostato”

«Ehm, scusate! Eh che l’ingegnere, è ingegnere anche in vacanza. Però questa storia la conosco, vi consiglio di leggerla perchè è davvero intrigante!» [Rudy]

Il principio di Archimede – Surf camp

portogallo.surf.camp.archimede.principio di archimede

L’Atlantic Riders Tour fa al caso nostro. Mute, tavole da surf ed un team di veterani dell’onda saranno al nostro servizio per svelarci tutti i segreti della spinta idrostatica e dei principi di galleggiamento dei Corpi. Stiamo prenotando il nostro surfing tour in Portogallo!

Il programma prevede di partire da Porto, su a nord, con quel furgoncino “otto-posti”, marchiato O’Neill, che abbiamo visto solo in foto e che tanto stiamo aspettando. Lì su Avenida Aliados ci sono tutti: zaini, tende, materassini e fornelletti da campeggio son riposti nel baule, di fianco allo scatolone con le mute. Dal portapacchi fanno capolino le tavole da surf, quindi non ci resta che impostare l’inglese come lingua predefinita e partire. Renè, il boss, è alla guida. Olandese quarantenne esperto surfer dal passato incredibile. Laureato in economia, all’età di 29 anni decide che la vita d’ufficio non fa per lui, molla tutto e promette che la muta sarà il suo unico “dress code”. Fantastico, viene subito eletto nostro idolo all’unanimità.

Il principio di Archimede – I cavalieri

portogallo.surf.camp.archimede.oceano. principio di archimede

Anche il team c’è: Caren, Tracy, Bridget, Mark, Diana, Dirk e Agneta! Vengono da tutta Europa ed anche per loro questo è il primo “esperimento di applicazioni del principio di Archimede con la tavola da surf”. Quindi ci sentiamo subito a nostro agio. Il viaggio prevede di spostarsi nelle più belle e caratteristiche spiagge della costa atlantica del Portogallo, dormendo in campeggio e trascorrendo intense giornate di studio. Figueira da Foz, Peniche, Sines, Carrapateira, Sagres saranno le nostre aule di allenamento per questa settimana.

Il principio di Archimede – Esercizi in acqua

Entriamo in acqua a svolgere il primo esercizio: stare sulla cresta dell’onda. Il vento fischia a sei nodi e la nostra pancia è schiacciata sopra la tavola; insieme fanno vibrare la superficie dalla quale si alzano sciami di gocce salmastre. La quantità di liquido che muoviamo sotto di noi, grazie anche alla forma ed alle dimensioni del surf, ha un peso superiore al nostro. Grande Archimede, stiamo galleggiando. Improvvisamente dalla riva parte un urlo, è John, il nostro tutor. Non si sbraccia per complimentarsi del nostro fantastico regime di fluttuazione ma per indicarci che dovremmo stare in piedi anziché spiaggiati come delle otarie.

Dopo due ore mozzafiato trascorse a duellare con l’oceano ci si ritrova al bivacco in riva. Qui tutti i cavalieri del principio di Archimede si stanno gustando il loro meritato riposo. Intanto i nostri pensieri vanno alle lezioni di idrodinamica e le certezze si infrangono con lo stesso fragore delle onde. I regimi stazionari, i flussi turbolenti e le varie equazioni che prima di quel momento apparivano chiare nella nostra mente, si sono disciolte come la schiuma sul bagnasciuga. È incomprensibile come possa un essere umano governare queste forze della natura, posando il proprio Corpo su una tavola pinnata.

Il principio di Archimede – La soluzione

portogallo.surf.camp.archimede.oceano.02

Ce ne facciamo una ragione e ritorniamo a goderci la brezza pomeridiana che accarezza la nostra birra e lo splendido panorama che abbiamo di fronte. Laggiù all’orizzonte, quello sperone di roccia, sembra si tratti di Lagos. Bellissima ed animatissima città della costa sud; può essere interpretata come “linea di confine” tra la vita surf-style della zona atlantica e la movida dell’Algarve. Ma questa è un’altra storia, che vi racconterò più in la!

«Guardate il mio amico KULI di Honolulu come spacca sul surf. Altro che quel panzone dell’ingegnere. Ah-ah-ah-ah!» [Rudy]

__________________________________________________

Link e informazioni utili: se siete interessati al Portogallo potete visitare questo sito. Per dettagli sulle lezioni di surf queste sono alcune scuole (Ericeira) e (Peniche).

Vedi anche: per informazioni sull’Atlantic Riders Tour visitate questo sito. Se invece preferite farvi del male approfondendo i principi dell’idrodinamica, prego….questo è il link.

__________________________________________________

Testi: Gripp@Rudy

Immagini: Da Google Immagini + Gripp@

Video: Caterstv – You Tube