L’Erbaluce e la vendemmia magica

L’Erbaluce è un vitigno piemontese la cui origine è incerta. Potrebbe provenire dal basso Monferrato, oppure secondo la tesi più accreditata, dall’area subalpina del Canavese. Oggi la zona di coltivazione più estesa e riconosciuta è sicuramente quella nel comune di Caluso. Qui nasce il binomio Erbaluce di Caluso, vino DOCG. Il nome di quest’uva deriva dal colore degli acini, molto brillanti nelle parti esposte alla luce del sole. All’epoca dei romani sembra fosse nota come Alba Lux (ossia luce dell’aurora) appunto per la luminosità dei suoi grappoli. L’Erbaluce è un vitigno molto versatile. Infatti, grazie alla spiccata acidità e alla dolcezza dei suoi acini, si possono produrre diverse tipologie di vino: dai vini secchi agli spumanti, ai vini dolci e passiti.

Questa luogo incantato unisce, tutti gli anni nel mese di settembre, la vendemmia ad un fantastico clima di festa che coinvolge tutto il paese. Andiamo a scoprire la Festa dell’uva di Caluso.

Erbaluce e Festa dell’uva

Veniamo accolti dai colori caldi e variegati della stagione autunnale, una stagione ancora viva e intensa, che trova la sua espressione più significativa in un rito antico e importantissimo: la vendemmia. Il giallo dei grappoli, l’ocra delle foglie secche, l’arancione delle chiome degli alberi, il rosso rubino dell’alba e del tramonto. Sono queste le sfumature che accompagnano la raccolta del prezioso frutto della terra da cui deriva il vino, una delle eccellenze alimentari più amate dall’uomo attraverso i secoli.

Le storie della vite, dell’uva e del vino si intrecciano in tutte le culture ai concetti di festa e banchetto. I primi che iniziarono ad utilizzare queste immagini, come metafora per riferirsi simbolicamente all’esistenza umana, furono i sumeri più di 6.000 anni fa. Successivamente, nel mondo greco, il vino era considerato un dono degli Dei. Tutte le attività ad esso collegate erano viste come rituali che mescolavano la dimensione profana dell’uomo con quella sacra della natura e dell’origine delle cose. Uno momenti chiave era appunto la vendemmia. Un atto di festa, una rottura della dimensione quotidiana che trasformava la condizione umana mettendola in contatto con il divino.

erbaluce.caluso

La Festa dell’uva di Caluso è quindi un momento di grande valenza socializzante, per tutti gli abitanti. Passeggiando nei vigneti incontriamo numerose generazioni e storie familiari. Uomini e donne, vecchi e bambini, amici e parenti uniti da un obiettivo comune: la raccolta dell’uva. Allo stesso tempo tutti quanti sono attratti dalla voglia e dall’entusiasmo di stare insieme, condividendo emozioni. In questo paesello la vendemmia è accompagnata da una settimana di appuntamenti musicali e gastronomici. Ricchi banchetti, fatti di piatti speciali, vengono preparati per l’occasione nelle “veje piole” allestite nelle piazze e nelle vie del centro.

La Ninfa Albaluce

L’apice viene raggiunto la domenica della festa, quando assistiamo alla proclamazione dell’eroina: la Ninfa Albaluce. La leggenda narra che, un tempo, le colline lasciate dai ghiacciai erano abitate dalle Ninfe dei laghi. Alba era una di queste Dee ed un giorno, sulla riva di un ruscello, incontrò il Sole. Si innamorarono, ma il loro era un amore impossibile. Intervenne quindi la Luna che decise di aiutare il Sole in modo che questi potesse raggiungere di nascosto la Terra, per incontrare la sua amata. Da quella eclisse nacque Albaluce, con occhi color del cielo, pelle di rugiada e lunghi capelli splendenti come raggi di sole.

erbaluce.lago di candia

La fama della sua bellezza spinse gli abitanti della zona ad offrirle omaggi nei giorni di festa, fino a quando i frutti non furono più sufficienti, nè ad offrire doni, nè al sostentamento. Occorreva nuova terra da coltivare e per questo si scavò un grande canale per far defluire le acque del lago. Ma le acque del lago tutto travolsero seminando morte. La ninfa Albaluce pianse per il dolore e dalle sue lacrime, pianto del Sole e dell’Alba, si alzarono lunghi tralci, ricchi di dolci e dorati grappoli di succosa uva bianca. L’uva Erbaluce!

CONTINUA il Viaggio -> clicca qui

____________________________________________________

Link e informazioni utili: il sito ufficiale della Pro Loco di Caluso, associazione di promozione sociale e turistica.

Vedi anche: Cantine Crosio, dove poter degustare ed acquistare dell’ottimo Erbaluce.

__________________________________________________

Testi: Gripp@ 

Immagini: Gripp@ – Cantine Crosio

Video: Cantina Produttori ErbaluceYou Tube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *